asp - asp.net - aspcode.it

COMMUNITY - Login
 Username:
 
 Password:
 
Voglio registrarmi!
Password dimenticata?
 Utenti on-line: 0
 Ospiti on-line: 869
ASPCode.it - Store

  > > Tips

Execute & SQL, accoppiata vincente!
di Luca Castellazzi

Data di pubblicazione: 17/01/2002        Voto della community: 3,00 (Votanti: 1)

Spesso, soprattutto per i novizi, la connessione ad un database tramite ASP può sembrare un’operazione molto macchinosa o 'stratificata’. Effettivamente, il lavoro svolto dal server per connettersi ad un database, è composto da vari livelli, non ultimo l’interfacciamento tramite i driver specifici dell’ODBC.
Nei miei primi lavori in ASP, casualmente conobbi il metodo EXECUTE come mezzo per la creazione di recordset, e da quel momento non ne feci più a meno, in quanto in grado di semplificare ulteriormente il mio lavoro.
Per poter utilizzare il metodo execute è necessario, ovviamente, disporre di una connessione aperta con un base di dati.
Qui di seguito è riportato un esempio di connessione DSN-less a DB Access tramite OLEDB:

<%
'creazione url del database Access
accessdb = server.mappath("db.mdb")
'creazione della stringa di connessione tramite il Jet Engine Access
strConn = "Provider=Microsoft.Jet.OLEDB.4.0;Data Source="
'inserimento indirizzo database nella stringa di connessione
strConn = strconn & accessdb & ";"
'definizione connessione ADO
set dbConn = server.createobject("ADODB.Connection")
'apertura connessione al database
dbConn.Open strConn
%>

Adesso possiamo finalmente passare alla parte che ci interessa di più, l’apertura del recordset.
Grazie al metodo EXECUTE possiamo permetterci di omettere la definizione di connessione ADO per il recordset, e senza stare a definire tutta una serie di attributi, possiamo, dopo aver definito ovviamente una stringa SQL, aprire il nostro recordset nel seguente modo:

<%
'creazione stringa SQL
strSql = "SELECT * FROM NomeTabella"
'apertura recordset di tipo ottimistico
set rsApri = dbConn.Execute(strSql, adlockoptimistic)
%>

Questo tipo di apertura non preclude assolutamente alcun tipo di definizione circa puntatori etc., che possono essere tranquillamente dichiarati come parametri del metodo.
Come consiglio personale, posso suggerire di preferire il linguaggio SQL per la definizione e la manipolazione delle strutture e dei dati nei database, a scapito delle funzioni Update e simili (a meno che non sia proprio necessario!).




Utenti connessi: 869